Intervista a Maurizio Tommasini / 2

Claim12Centrato Cari amici di KETOGOURMET,

come promesso, eccovi la seconda e ultima parte dell’intervista che abbiamo realizzato con il Dottor  Maurizio Tommasini, autore del recente  La Chetodieta.

La dieta chetogenica per patologie neurologiche e metaboliche è sufficientemente diffusa nel nostro paese?

Tempo proprio di no, ma le cose stanno cambiando, anche grazie al gran lavoro svolto da professionisti ed associazioni sul tema. Mi piace ricordare il contributo di Eupraxia e del Dott. Di Lorenzo, impegnati nel diffondere il corretto uso della chetogenica in contesti terapeutici

 

 La dieta chetogenica è indicata nei casi di diabete?

Numerosi studi indicano effetti decisamente positivi in soggetti affetti da diabete di tipo 2. Il diabete di tipo 1 rimane invece una controindicazione assoluta, anche se cominciano ad arrivare studi che suggeriscono anche in questi casi un effetto positivo. Si tratta comunque di situazioni in cui il soggetto in dieta deve essere necessariamente seguito da nutrizionista e medico, per evitare problemi che possono essere decisamente poco piacevoli.

 

Ultimamente, soprattutto nell’East Coast americana, l’alimentazione chetogenica si sta affermando come pratica che migliora l’energia, la concentrazione ed in generale il benessere fisico: lei è d’accordo?

In un soggetto sano la chetogenica ha questo effetto di aumentare la chiarezza mentale e l’energia, così almeno riporta la maggioranza dei pazienti. Un effetto decisamente interessante e positivo, tuttavia non penso che si debba seguire una chetogenica alla esclusiva ricerca di questa condizione. Consideriamolo un fringe benefit, legato al dimagrimento o all’utilizzo terapeutico.

 

Nei prossimi anni il low-carb e’ destinato a soppiantare il low-fat come indice di corretta alimentazione?

La chetogenica è uno strumento. Io sottolineo spesso, parlando di questo tipo di dieta, che il fatto che durante una cheto si riducano i carboidrati non implica certo che questi siano il male. Alla fine si tratta di un problema di equilibrio e ritengo che non si debba cercare, come spesso purtroppo si fa, una soluzione globale che va bene per tutti. Alcuni soggetti possono aver un deciso beneficio seguendo una chetogenica, mentre altri potrebbero cavarsela meglio con un’alimentazione più ricca di carboidrati.

Quello che mi interessa è che si parli in maniera corretta di dieta chetogenica, lasciando da parte concetti assolutamente non corretti legati a questo particolare regime alimentare: eccesso di proteine, danni renali, cali di energia e via dicendo.

Di certo è giunto il momento di considerare un regime alimentare nel suo insieme, benefici e controindicazioni, semplicità o difficoltà di esecuzione, senza concentrarsi in maniera ossessiva sui supposti effetti problematici legati a questo o quel nutriente. Una dieta chetogenica può essere indicata in un gran numero di contesti diversi, da valutare di volta in volta, uno strumento molto potente, come dicevo, che va utilizzato con cognizione di causa.

Grazie al Dottor Tommasini da KETOGOURMET!

 

Claim12Centrato


 

KETOGOURMET, un blog

  • creato da una famiglia con un bambino con epilessia farmacoresistente, che grazie alla dieta chetogena è riuscito a controllare le crisi;
  • che, a partire da un’esperienza personale, offre un aiuto concreto alle altre famiglie ;
  • per dimostrare che anche un cibo che cura può essere “Gourmet”!

 

 

Intervista a Maurizio Tommasini / 1

Claim12Centrato Cari amici di KETOGOURMET,

come promesso, eccovi la prima parte dell’intervista che abbiamo realizzato con il Dottor  Maurizio Tommasini, autore del recente  La Chetodieta.

Quali sono i fattori che hanno contribuito al recente grande interesse sulla dieta chetogenica?

A livello di pubblico sicuramente ha giocato un ruolo importante la notevole popolarità di alcuni protocolli commerciali basati sull’alimentazione low-carb, unitamente a tutto il clamore suscitato dall’ipotesi dell’insulina come responsabile della supposta epidemia di obesità, un tema particolarmente sentito nel mondo anglosassone. Oltretutto la chetogenica viene spesso proposta come dieta che permette di dimagrire mangiando in quantità cibi che molti considerano appetitosi, carne di ogni tipo, formaggi , grassi: si tratta di una visione distorta ma che ha grande presa su di un pubblico che cerca risposte semplici a problemi complessi.

Nel campo delle applicazioni terapeutiche ritengo che sia stato fondamentale quanto avvenuto negli anni 90, con la riscoperta della chetogenica come terapia in soggetti con epilessia farmacoresistente. Inoltre sono suggestivi anche gli studi sul tema delle cefalee e delle malattie neurodegenerative, oltre che le possibili applicazioni nel trattamento di malattie metaboliche. Contrariamente a quello che molti pensano la chetogenica non è certo una fad diet, una dieta alla moda, priva di sostegno scientifico: si tratta invece di uno dei regimi dietetici più studiati, con una storia lunga un secolo di interessanti applicazioni in campi diversi.

Le tre cose più importanti che consiglierebbe ad una persona che volesse iniziare una dieta chetogenica?

In primo luogo valutare se esistano le condizioni per seguire questo regime: ci sono delle controindicazioni assolute che vanno sempre prese in considerazione. In secondo luogo considerare che si tratta di una dieta che non ammette sgarri: indurre la chetosi richiede tempo e quelle che potrebbero essere trasgressioni ammissibili in un piano alimentare ipocalorico possono determinare l’uscita da questo stato, con perdita di quelli che sono i benefici inerenti alla dieta. In terzo luogo valutare la logistica relativa alla dieta, la necessità di consumare pasti in cui l’apporto di carboidrati è molto ridotto e in cui la selezione dei cibi da consumare è molto importante. I pazienti che per lavoro sono costretti a mangiare fuori casa devono considerare questo fatto, anche se, per esperienza,  non si tratta di una situazione così difficile da gestire.

E’ possibile seguire una dieta chetogenica solamente con cibi freschi, acquistabili in supermercato?

A mio parere sì. È il concetto su cui poggia la mia proposta alimentare, la chetodieta, una dieta chetogenica che utilizza prodotti freschi, carne, pesce, verdure, frutta secca e olio extravergine di oliva. Quando l’obiettivo primario è il dimagrimento questo permette di mantenere un buon rapporto con il cibo e facilita poi il passaggio alla fase cruciale di mantenimento che è essenziale per consolidare quanto ottenuto durante la fase chetogenica. Diverso è il discorso delle applicazioni terapeutiche che richiedono un preciso rapporto chetogenico e che molto spesso devono necessariamente ricorrere a prodotti appositamente formulati. La guida di un professionista esperto è comunque importante in entrambe i casi, assolutamente indispensabile nel secondo.

Sono sempre necessari gli integratori? Se sì, quali sono quelli che lei raccomanda?

Visto il limitato apporto di certi cibi talvolta è utile integrare con vitamine e sali minerali. Altra integrazione utile è quella con citrati, importante per ridurre il rischio di formazione di calcoli renali, uno dei potenziali effetti collaterali di una chetogenica seguita per tempi prolungati.

Grazie al Dottor Tommasini da KETOGOURMET, seguite il nostro blog per la seconda parte dell’intervista!

 

Claim12Centrato


 

KETOGOURMET, un blog

  • creato da una famiglia con un bambino con epilessia farmacoresistente, che grazie alla dieta chetogena è riuscito a controllare le crisi;
  • che, a partire da un’esperienza personale, offre un aiuto concreto alle altre famiglie ;
  • per dimostrare che anche un cibo che cura può essere “Gourmet”!

 

 

Un nuovo libro sulla dieta chetogenica

Claim12Centrato Cari amici di KETOGOURMET,

la dieta chetogenica comincia ad essere conosciuta e citata sempre più spesso;  per chi deve seguire una dieta molto controllata questo è un vantaggio, perchè vuol dire più strumenti, più ricette, più conoscenza e accettazione sociale, allo stesso tempo però aumenta  il rischio che una dieta delicata come la dieta chetogenica diventi solo un’altra “dieta del giorno”, con relativo merchandising.

L’uscita di un libro serio e circostanziato sulla dieta chetogenica, scritto da un esperto che la conosce in maniera approfondita è quindi un’ottima notizia! Vi segnaliamo quindi  La Chetodieta del dottor  Maurizio Tommasini, un biologo nutrizionista con un focus particolare sul binomio alimentazione/attività fisica.  Se vi interessa l’argomento, tenete d’occhio il nostro sito, prossimamente ospiteremo una intervista all’autore!


 

Nel suo piccolo, anche KETOGOURMET continua nella sua opera di alfabetizzazione chetogenica: abbiamo risposto volentieri all’invito del sito My Therapy , un’innovativa piattaforma che vuole facilitare il rapporto tra paziente e terapia attraverso la tecnologia. Ecco il nostro articolo, per sfatare alcuni dei miti che cominciano a circolare sulla dieta chetogenica.

Anche la nostra collaborazione con la Kanso continua; stavolta ci hanno chiesto un contributo su dieta chetogenica e sport.

Insomma, siamo ancora lontani dall’obiettivo che un’assistenza chetogenica di alto livello sia disponibile per tutti i pazienti che ne potrebbero beneficiare, ma qualcosa comincia a muoversi al di là dei confini delle patologie neurologiche e metaboliche, e questo potrà essere un grande fattore di diffusione di questo cibo che cura.

Claim12Centrato


 

KETOGOURMET, un blog

  • creato da una famiglia con un bambino con epilessia farmacoresistente, che grazie alla dieta chetogena è riuscito a controllare le crisi;
  • che, a partire da un’esperienza personale, offre un aiuto concreto alle altre famiglie ;
  • per dimostrare che anche un cibo che cura può essere “Gourmet”!

 

 

KETOGOURMET CUCINA CON LE FAMIGLIE: UNA GIORNATA A VERONA CON DRAVET ITALIA OLUS

Claim12Centrato

Nei giorni scorsi KETOGOURMET e l’ASSOCIAZIONE DRAVET ITALIA ONLUS, hanno organizzato una giornata di informazione sulla dieta chetogena dedicata alle famiglie, ospitata dal Reparto di Neuropsichiatria dell’Ospedale Borgo Roma di Verona.

IMG_1228La mattina c’è stata un’introduzione generale sulla dieta, sia dal punto di vista dietistico che da quello delle famiglie; nel pomeriggio, una sessione di cucina chetogena!

 

IMG_1236

 

Le famiglie hanno preparato un pranzo e una merenda chetogeni, cominciando a familiarizzarsi con i procedimenti della dieta: pesare, usare sempre tutti gli ingredienti pesati, pulire bene i contenitori con le spatole…..

 

Ecco i primi risultati del percorso per trasformarsi in provetti Ketochef,  assolutamente incoraggianti!

IMG_1242

 


Claim12Centrato

20.000 e non li dimostra!

Claim12Centrato

Cari amici di KETOGOURMET, grazie a voi il blog ha polverizzato le 20.000 visualizzazioni da quando siamo online!20000.1

Per festeggiare questo grande risultato, abbiamo lanciato il primo censimento chetogeno in Italia, per capire quanti sono i pazienti attualmente in dieta, e soprattutto se sono seguiti in maniera efficace!

Stiamo contattando da una parte tutti i centri ospedalieri che supportano la dieta, e dall’altra cerchiamo di avere il parere delle famiglie attraverso questo questionario:

censimento famiglie

Vi chiediamo pochi minuti del vostro tempo, ancora meglio se lo fate girare!

Grazie da KETOGOURMET


Claim12Centrato

A che punto siamo con la dieta chetogena in Italia? Diteci la vostra!

Claim12Centrato

Cari amici di KETOGOURMET, con il vostro aiuto, vorremmo avere un’idea della diffusione della dieta chetogena in Italia. Stiamo contattando tutti i centri ospedalieri che supportano la dieta, e in parallelo vorremmo avere informazioni direttamente dalle famiglie.

Dedicateci cinque minuti del vostro tempo compilando questo questionario:

Censimento chetogeno

Non è uno studio epidemiologico, ma una serie di domande “dalla parte delle famiglie“, per capire come sono organizzati i rapporti tra le famiglie e i centri che supportano la dieta.

Le famiglie sono sostenute a sufficienza? I canali di comunicazione sono efficaci? Le famiglie sono state dotate di tutti gli strumenti necessari per la dieta?

Sono queste le cose che vorremmo sapere da voi. Le vostre risposte (rigorosamente anonime) ci serviranno a mettere meglio a fuoco le necessità delle famiglie.

Grazie da KETOGOURMET



Claim12Centrato